Biblioteca: sala studio con orario extra large con i ragazzi di Anffas

Informatore Lomellino - Dallo scorso lunedì 11 ottobre i ragazzi dell'Anffas terranno aperta l'aula studio al primo piano della Biblioteca Civica "Francesco Pezza" anche al lunedì e al giovedì mattina. Solitamente era aperta soltanto al pomeriggio, ma grazie al contributo attivo dei ragazzi della cooperativa Come Noi (Ente a marchio Anffas) ora gli studenti avranno un luogo tranquillo dove poter leggere e studiare anche al mattino. La collaborazione tra Biblioteca e Anffas nasce nel luglio 2020, quando un gruppo di persone con disabilità inizia a sperimentare qualcosa di nuovo a livello locale; la possibilità di continuare a ritrovarsi a lavorare quotidianamente sulle proprie autonomie negli spazi messi a disposizione dalla Biblioteca "Francesco Pezza" di Mortara. Il tutto, ovviamente, è stato possibile grazie alla lungimiranza del Comune di Mortara e della Cooperativa Come Noi, da sempre attenti alle esigenze delle persone con disabilità

Catena delle lampadine

Il Comune di Mortara, la Biblioteca "Francesco Pezza" e la Cooperativa Come Noi hanno deciso di far continuare la collaborazione, potenziando le possibilità di sviluppo di questo progetto. Innanzitutto, grazie alla presenza dei ragazzi Anffas, gli studenti che frequentano la biblioteca hanno la possibilità di accedere in due momenti aggiuntivi: il lunedì e il giovedì dalle 9:30 alle 12:30 la sala studio al primo piano sarà aperta. Inoltre, la cooperativa ha attivato un servizio caffè al secondo piano, vicino al terrazzo, dove si può degustare una tazzina di Caffè della Terra, grazie alla collaborazione con Port Moka Vigevano

che ha messo a disposizione una macchina professionale e tutto il materiale per realizzare questo progetto.

"Nel concreto - illustra Simone Lambra, educatore della Cooperativa Come Noi - le persone che frequentano il nostro progetto avranno la possibilità di mettersi sempre più alla prova come baristi al servizio della nostra comunità. Un impegno occupazionale che va ad affiancarsi a tutte le attività che stanno svolgendo presso gli spazi del Civico-17. Questi spazi rimangono a disposizione della città, in quanto la presenza dei ragazzi vuole essere possibilità di inclusione e scambio culturale. Il progetto ha come obiettivo principale la valorizzazione di persone che si mettono a disposizione della comunità, attraverso una sinergia proficua e costante tra la Biblioteca e la realtà della Cooperativa Come e Noi e Anffas". Un seme di inclusione, per dimostrare che le persone possono e vogliono essere una risorsa attiva per la comunità. Un obiettivo che Anffas e la Cooperativa stanno portando avanti con entusismo e determinazione.

"Vi aspettiamo tutti i giorni per un caffè - è l'invito di Simone Lambra alla cittadinanza - e il lunedì e giovedì mattina per chi ha bisogno di uno spazio accogliente per studiare".

Teatro